Pagina web di

 

Autorizzazione Tribunale di Verona N°1497/07

 

  Edizione di giovedì       24 luglio 2014   

Italia Sociale è una macchina di libertà che per funzionare

ha bisogno anche del tuo aiuto: sostienici!

 

 

Asia Centrale : Nuova area denuclearizzata

Il 6 maggio 2014, al quartier generale delle Nazioni Unite di New York, dopo un percorso durato 21 anni, è stato ratificato il documento che sancisce la creazione dell'Area Denuclearizzata dell'Asia Centrale (Canwfz) e che ha ottenuto l'approvazione unanime delle cinque potenze nucleari della Terra (Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Russia e Cina); per la costituzione di una simile entità è infatti necessario il parare positivo di questi ultimi, i quali si impegnano a non attaccare o minacciare con armi atomiche gli stati firmatari dell'accordo.
L'iniziativa per la creazione di questa zona è partita dal presidente uzbeko, Islom Karimov, nel 1993, due anni dopo l'indipendenza di Tashkent dall'Urss. (Giacomo Dolzani in Geopolitica)

 

   

 


Israele e la matematica (a proposito di “rappresaglie”)

C’è un saggio di Julius Evola che avrebbe bisogno, a distanza di quasi settantacinque anni, di un’appendice documentaria. Stiamo parlando di “Gli ebrei e la matematica”, pubblicato nel 1940, una cui nuova edizione dovrebbe contenere un aggiornamento condotto sulla base delle “rappresaglie israeliane”.
Il cosiddetto “Stato d’Israele” ha scatenato da alcuni giorni uno dei suoi periodici ed insistenti bombardamenti contro i palestinesi della Striscia di Gaza, uccidendone oltre centoventi e ferendone varie centinaia, con tutto il corollario di distruzioni di immobili ed infrastrutture (compreso un orfanotrofio).
Il pretesto si trova sempre: stavolta si è trattato del rapimento e della successiva uccisione di tre giovani israeliani (Enrico Galoppini in Alzo Zero)

 
 

La bolla dei derivati


Nessuno ne parla; nessun media a livello mondiale parla della bolla dei derivati. La bolla dei derivati sta crescendo e prima o poi esploderà. Secondo gli ultimi dati pubblicati da BIS, al 31 dicembre 2013 il valore nominale di tutti i contratti derivati del mondo ammontava a 710.182 miliardi di dollari, in aumento del 12% rispetto al dicembre anteriore. Il dato del 31 dicembre rappresenta il massimo storico, ossia il valore più alto mai raggiunto dai contratti derivati.
Il PIL di tutti i paesi del mondo al 31 dicembre del 2013, secondo gli ultimi dati pubblicati dal FMI, era pari a 73.982 miliardi di dollari. L’ammontare dei derivati è quindi circa dieci volte il valore del PIL mondiale.
Quindici anni prima, al 31 dicembre 1998, l’ammontare nominale di tutti i contratti derivati era 80.317 miliardi di dollari ed il PIL del mondo era 30.561 miliardi di dollari, pertanto i derivati erano 2,63 volte il valore del PIL mondiale. In questi ultimi quindici anni, mentre il PIL mondiale è cresciuto del 142%, con un tasso di crescita medio annuo del 9%, i derivati sono cresciuti del 784%, con un tasso di crescita medio annuo del 52%. (Attilio Folliero in Economia)

 
 

Putin sceglie l'Eurasia e dà scacco matto agli USA e alla UE

Puntuale come un orologio svizzero e fedele alla sua natura di giocatore “simmetrico”, Vladimir Putin ha sciolto ogni dubbio e ha deciso di puntare tutto sull’opzione eurasiatica.
Il gioco “duro” attuato da Washington tramite i suoi satelliti di Bruxelles ha costretto il capo del Cremlino ad abbandonare le sue storiche esitazioni verso l’Ostopolitik e a virare in maniera decisa a favore dell’asse eurasiatico Russia-Cina-Iran prospettato già all’inizio degli anni Novanta da Evgenij Primakov e dalla sua dottrina geopolitica.
L’accordo trentennale per la fornitura di gas naturale a Pechino rappresenta solo l’aspetto più evidente di questo spostamento di prospettiva strategica, rimasto per lungo tempo “congelato” dai decisori di Mosca. (Stefano Vernole in Geopolitica)

 

 

 

"Io vengo dall’Iran,

dalla terra della

bellezza e

dell’imponenza, dalla

 terra della scienza e

della cultura, la terra

della saggezza e delle

virtù, dalla culla della

filosofia e dello

gnosticismo, dalla

patria del sole e della

luce, la terra degli

 scienziati, dei saggi,

dei filosofi, degli

gnostici, dei letterati,

la terra di Avicenna,

Ferdowsi, Rumi,

Hafez, Attar, Khayyam

e Shahriar; sono quì

in veste di

rappresentante di un

popolo grande e

 dignitoso, tra i

fondatori della cultura

umana e tra gli eredi

di essa; sono il

rappresentante di

gente saggia,

innamorata della

libertà e della pace,

affettuosa, che ha

assaggiato il sapore

amaro delle guerre

e delle aggressioni e

che ama la pace e la

serenità".

(M. Ahmadinejad)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Nella sezione Interviste

 

Situazione in Siria e piano USA di aggessione: IRNA intervista il Direttore Federico Dal Cortivo

 

 

 

Altre notizie

 

Tagikistan: La colossale diga di Roghun sarà fonte d’instabilità politica nella regione (Giacomo Dolzan in Notizie)

Kirghizistan sviluppo economico attraverso nuove strade (Giacomo Dolzani in Notizie)

Sud Sudan è crisi umanitaria (Giacomo Dolzani in Notizie)

Dialogo con Enrico Montesano tra passato e presente, sullo spettacolo ed il sociale (Antonella Ricciardi in Interviste)

Quanto è difficile scrivere e insegnare in libertà - Intervista al Prof. Claudio Moffa (In Interviste Giovanna Canzano)

 

 

Filmati ed altro

 

 

Intervista al Prof Antonio Pantano: La verità sugli imbrogli degli appalti.

11 settembre: La grande menzogna

 

Storia in Rete

Guarda il catalogo          

 

Nel caso di riproduzione degli articoli di ItaliaSociale, o di parte di essi, è obbligatorio citare la fonte

 

 

Storia in Rete, presenta un ricco catalogo di titoli di importanti DOCUMENTARI STORICI (anche già prodotti per RAI 2 e La 7), quasi tutti dedicati alla storia e all'arte italiane con un'attenzione particolare al nostro Medioevo e al Rinascimento, i periodi fondamentali per la nostra storia nazionale.

Quindi: biografie, personaggi, avvenimenti, enigmi storici, retroscena della storia dell’arte, processi controversi.
I documentari sono a pagamento, al costo di € 3.50, pagabili in vari modi e sono visionabili in streaming per 48 ore.

 

 
LA SECONDA GUERRA FREDDA

Ecco di seguito l’elenco di alcuni articoli presenti in questo numero, con un breve riassunto di ciascuno di essi

EDITORIALE
Claudio Mutti, La seconda guerra fredda

L’EBRAISMO NELLA PROSPETTIVA GEOFILOSOFICA HEGELIANA
LA RUSSIA E L’OCCIDENTE NELL’OTTICA EURASIATISTA

di Aleksandr Dugin

LA PRIMA UCRAINA INDIPENDENTE
di Andrea Forti

LE ALTRE CRIMEE
di Giuseppe Cappelluti

LA CRIMEA VISTA DALLA MEZZALUNA
di Giuseppe Cappelluti

LO SCUDO E IL CONTROSCUDO
di Alessandro Lattanzio*

TURCHIA E RUSSIA, NEMICI PER FORZA ?
di Aldo Braccio

RUSSIA: CAPITALI IN FUGA
di Maria Amoroso

Leggi i riassunti in Geopolitica  

 

Gianni Lannes

 

 

Italia Usa e Getta

 

  

I nostri mari: discarica americana per ordigni nucleari 


 

Pagine 96 - Formato 17x24 

 


Prezzo € 8,33 (invece di 9,80)

 

 

www.ariannaeditrice.it

 

E-mail Casa Editrice: contatti@fuoco-edizioni.it   

per qualsiasi informazione o reclamo inerente l'acquisto: 

ordini@fuoco-edizioni.it
immagini14\2014-06-12-2.jpg

Telefono e Fax 06-64690953

 

La Fine della Sovranità
Come la dittatura del denaro toglie il potere ai popoli
 

Autore: Alain De Benoist
Prezzo: € 8,33 (invece di € 9,80) www.macrolibrarsi.it

Una vera e propria dittatura del denaro sta pian piano assumendo il controllo, togliendo ai Popoli la loro sovranità.
La crisi attuale è caratterizzata dalla completa estraneità della finanza di mercato rispetto all’economia reale, dato che ha causato un indebitamento generalizzato, che ha ormai raggiunto livelli inediti.
La prima conseguenza “naturale” è stata affidare il potere politico ai rappresentanti di Goldman Sachs e di Lehman Brothers, le più grandi potenze finanziarie mondiali, ma inutilmente, poiché la creazione di capitale-denaro fittizio non è più in grado di risolvere il problema.
Ecco quindi che l’Unione europea estrae dal cilindro due nuove “soluzioni”: il Meccanismo europeo di stabilità (MES) e il Trattato sulla stabilità, il coordinamento e la governance (TSCG) che equivalgono in sostanza a un totale esproprio di ciò che rimaneva della sovranità degli Stati.
I parlamenti nazionali, subalterni e complici, si vedono sottrarre il potere di decidere le entrate e le uscite dello Stato, ruolo ormai trasferito alla Commissione europea.
In questo modo l’intera Europa viene posta sotto la tutela di una nuova autorità, priva di qualsiasi legittimità democratica, che assegna il potere ai mercati finanziari rendendoli completamente liberi di imporre ai popoli il proprio volere.

 

Leggi la recensione in Libri è

 

I bugiardi della Shoah

 

Quando la “Memoria” fa cilecca...

 

Per non rimanere pietrificati davanti a clamorosi falsi

 

di Anne Kling

 

Edizioni "effedieffe". Disponibile su www.effedieffe.com

 

La recensione in "Libri" è

 

Palestra Itália. Quando gli italiani insegnavano il calcio in Brasile

di Vincenzo Fratta

Leggi la recensione


Edizioni Ultra, pp. 138 - € 14.00
Si può trovare nelle principali librerie

 

Sovranità Monetaria

 

Senza la riconquista di una completa e operativa sovranità monetaria e di un ricollocamento del debito pubblico all’interno dell’economia italiana, qualsiasi tentativo di uscire dalla crisi è destinato al fallimento. Qualsiasi alternativa, qualsiasi cambiamento non può avere efficacia. Senza sovranità monetaria ci può essere solo la resa incondizionata alla dittatura del potere finanziario.

 

Firma anche tu la sottoscrizione al sito: www.firmailmanifesto.org

 

click sull'immagine per leggere il manifesto

 

l'Uomo libero

 

 

Rivolta e rinascita

di Mario Consoli

 

La nuova «cortina di ferro»

di Ugo Gaudenzi 

 

Dal controllo dei cieli al controllo delle menti

di Fabrizio Fiorini 

 

Consumismo

di Enzo Caprioli 

 

1936: il patto di alleanza bellica tra Gran Bretagna e Grecia

di Dimitris Michalopulos 

 

Il coraggio della sincerità

intervista a Erich Priebke 

 

 

C.P. 40 - 21033 CITTIGLIO (VA)

www.uomolibero.com

Tel. 334 81 22 341

info@uomolibero.com

 

 

Leggi e diffondi

 

 


                   

                   


 

Mozilla Firefox

 

Ultimo aggiornamento: giovedì 24 luglio 2014

 

Webmaster

 ciemmepi