ECONOMIA 2006

Confindustria detta l'agenda politica

Fabrizio Di Ernesto

L’esecutivo rosso-bianco-verde sembra continuare la deriva filo-padronale e sempre più lontana dagli interessi della classe lavoratrice.
Da quando le prime file di Confindustria a Verona avevano esaltato l’Unione, suscitando il malcontento della base dell’associazione degli industriali, non accenna a diminuire l’attrazione tra queste due forze, tanto che continua la ‘strana’ luna di miele tra ‘compagni’ e datori di lavoro.
Il ministro dell’Interno Giuliano Amato nei giorni scorsi, intervenendo all’apertura dell’anno accademico della Scuola superiore amministrativa dell’Interno ha sentenziato “Luca Cordero di Montezemolo sarebbe un eccellente ministro a cui affidare l’organizzazione dei nostri apparati anche se forse da grande lui vuole fare il presidente del Consiglio”.
Il presidente degli industriali ha subito ringraziato l’ex presidente del Consiglio replicando con un preoccupante “si vedrà”.
Dopo aver avvisato gli italiani che una sua discesa in campo non è del tutto da escludere il presidente della Ferrari ha duramente attaccato la sinistra radicale definendola la “Brembo della politica perché frena sempre sulle scelte”, lanciando poi uno strale contro la classe politica italiana invitandola a considerare che “forse ci sarebbe bisogno di qualche viaggio di studio per qualche esponente sindacalista e politico di questa sinistra frenatrice. E non dico solo in Cina e in India ma anche in Spagna e Inghilterra per capire che il mondo va avanti”.
Dopo aver ribadito la necessità, secondo gli industriali di scelte coraggiose, e cioè utili ai padroni ma non ai lavoratori né tanto meno ai cittadini, il presidente della Fiat ha sentenziato “sono fondamentali quattro o cinque cose senza cui il rischio di allontanarsi dal mondo che cresce si farebbe impressionante”, interventi probabilmente individuabili in: minor costo del lavoro, maggiore aiuti dello Stato per limare le perdite delle industrie, precarietà sempre crescente per i lavoratori, maggiori infrastrutture i cui costi devono gravare solo ed esclusivamente sulle tasche dei contribuenti e soprattutto minore ingerenza dello Stato nell’economia, ma solo per ciò che riguarda i ricavi non certo per le perdite, come la Fiat insegna da decenni a questa parte.
Continuando nella sua analisi della situazione il numero uno di viale dell’Astronomia ha paragonato l’Italia ad una barca “in cui rema metà del Paese mentre l’altra metà è seduta a poppa, ringrazia, non produce e succhia le ruote di chi rema anche per loro”.
Per quanto riguarda gli interventi da fare per rilanciare il BelPaese, “dove ci sono ancora troppi fannulloni”, secondo Montezemolo è basilare tornare a crescere “riducendo la spesa introduttiva e tutte quelle persone che stanno a poppa ridando credito, spazio e risorse a chi rema. Perché queste non scelte di oggi le pagheremo tra quindici anni. La sfida sulla competitività non si vince a parole ma solo crescendo”.
A destare le maggiori preoccupazioni nel presidente degli Industriali la pubblica amministrazione che necessità di “una grande trasformazione culturale”, aiutata in ciò dalla politica che deve prendere decisioni coraggiose e che “deve prenderle prime di ricercare il consenso”.
Per il presidente della Ferrari è necessario fare in modo che lo Stivale riesca ad attrarre investimenti esteri, per completare quella colonizzazione economica che ci sta rendendo sempre più poveri e sempre più consumatori.
Che Montezemolo stai studiando da politico non è certo una novità ed il programma politico-economico illustrato ieri conferma appieno la linea che seguirebbe. Preoccupante è l’invito di Amato che, ministro di un governo molto vicino alla grande finanza internazionale, non sono certo un mistero i rapporti passati tra alcuni esponenti del governo e la Goldman Sachs, vorrebbe ora coinvolgere anche il rappresentante degli industriali nella gestione della cosa pubblica.
Dopo Berlusconi e Prodi quindi un nuovo personaggio estraneo alla politica e vicino al mondo dell’economia si candida a gestire l’Italia. E pensare che dovrebbe essere la politica a gestire l’economia e non viceversa.


10/12/2006


economia

home page

archivio 2006

archivio 2005

archivio 2004

archivio 2003