NOTIZIE 2008


La legge marziale, il piano di salvataggio finanziario

 

di Peter Dale Scott - Ttraduzione a cura Italiasociale.org


Articles de Peter Dale Scott publiés par Mondialisation.ca

Il piano di salvataggio di Henry Paulson.

Risulta evidente che da fine 2008, le conseguenze del piano di salvataggio rischiano di diventare cosi gravi per una societa' aperta di quanto non lo sia stata la reazione all' 11 settembre 2001.Dal momento dell'adozione del piano di salvezza, numerosi membri del Congresso si sono sentiti obbligati di votare loro malgrado, e le normali procedure relative l'esame di una legge, sono state ignorate.

Le procedure legislative normalmente adottate sono state cortocircuitate con il pretesto di un'urgenza.
Tuttavia la caratteristica piu' reprensibile della legislazione è di autorizzare le istituzioni salvate (dalle difficolta' finaziarie) ad utilizzare i denari pubblici per i bonus e per i salari esorbitanti, e' stata agguinta dal segretario al Tesoro Henry Paulson,quando il grosso della crisi era gia' passato.

Secondo il membro del Congresso Peter Welch (D-Vt) , la legge sul piano di salvataggio doveva imporre all'origine un limite ai salari dei dirigenti, ma Paulson a modificato le obbligazioni all'ultimo momento.M.Welch unitamente ad altri membri del Congresso era furioso di sentire che le " banche salvate grazie al denaro dei contribuenti ccontinuavano a pagare i salari, i bonus e altri benefici esorbitanti".In piu', l'associazione Press (AP)menzionava in ottobre che " il senatore Charles Schumer (D-NY) aveva rimesso in questione il permesso accordato alle banche salvate di continuare a pagare dei dividendi sulle loro azioni ordinarie.
"I soldi dei contribuenti puo' essere utilizzato a migliori scopi piuttosto che al pagamento dei dividendi agli azionisti" ha dichiarato.

Cio' che c'e' di ancora piu' reprensibile nell'adozione del piano di salvataggio e' il rifiuto di M.Paulson e del dipartimento del Tesoro di fornire i dettagli relativi le spese per centinaia di miliardi di dollari nel quadro del Troubled Assets Relief Program (Piano di salvataggio degli attivi a rischio).
La Riserva federale di New York ha ugualmente rifiutato di dare informazioni a proposito del suo piano di salvataggio(derivante da prestiti garantiti dal governo) attestantesi in bilioni di dollari.
In virtu’ della Legge d’accesso all’informazione (Freedom of Information Act ou FOIA), Fox Tv e Bloombreg News contestano questa mancanza di trasparenza e perseguono rispettivamente il dipartimento del Tesoro e la Riserva Federale.


La legislazione del piano di salvataggio finanziario del settembre 2008 e’ stata adottata solo dopo che i membri
delle due camere del Congresso sono stati messi in guardia che l’immobilismo rischiava di provocare delle
sommosse civili e l’imposizione della legge marziale.

Il senatore americano James Inhofe (R-Okla) e il deputato Brad Sherman (D-Calif) hanno tutti e due dichiarato che il segretario al Tesoro Henry Paulson aveva evocato il peggiore degli scenari quando faceva pressione in favore del piano di salvataggio di Wall Street a settembre. Loro hanno tuttavia rimarcato che M.Paulson ,vecchio PDG di Goldman Sachs aveva annunciato un possibile ricorso alla legge marziale.

Ecco i commenti originali del senatore Inhofe:


Nell’intervista alla stazione 1170 KFAQ A Tulsa in Oklahoma, il senatore James Inhofe ha affermato che il
segretario al Tesoro Henry Paulson era sotto minaccia di legge marziale e di sommosse civili succedentesi
in seguito al rifiuto del piano di salvataggio.
“Prima dell’adozione del piano c’era qualcuno a D.C. che vi raccontava tutta una storia, dicendo che il
diniego avrebbe comportato una situazione comparabile ad una depressione, alcuni parlarono di
sommosse civili e dell’instituzione della legge marziale….chi vi raccontava queste storie?” gli ha chiesto il
presentatore Pat Campbell.
“ E’ Henry Paulson,_ ha risposto Inhofe_.Prima abbiamo avuto una convocazione di conferenza, credo
venerdi, una settimana e mezzo prima del voto del 1 ottobre.Quindi dovrebbe esser stato in mezzo a
…quando…il 19 settembre abbiamo avuto la convocazione alla conferenza e credo di non aver alcun motivo
di non ripetere cio’ che egli ha detto, .
Ha detto: “ L’ora e’ grave.Si tratta della situazione piu’ grave che noi abbiamo dovuto affrontare.”



Al Congresso, il rappresentante Brad Sherman (D-CA.27e district) ha segnalato la stessa minaccia (Egli ha
leggermente sfumato i suoi propositi nella trasmissione di Alex Jones) :

“ Non possono far adottare questa legge se non creando un clima di panico…Un buon numero di gente tra
noi si è fatta dire che il cielo ci stava per cadere sulla testa…Qualcuno si e’ fatto dire che la legge
marziale sarebbe stata dichiarata negli Stati Uniti se noi avessimo rifiutato il piano.E’ cio’ che io chiamo
allarmismo ingannevole e ingiustificato”.

E’ dunque evidente che le minacce di legge marziale sono servite a far adottare questa legislazione
deplorevole sul piano del salvataggio.Cosi , sembra evidente che i membri del Congresso non hanno
formulato minacce di legge marziale, ma piuttosto che ne siano stati informati .
E’ perfettamente legittimo stabilire dei legami tra questi propositi e la rapidita’ delle forze armate nel ridefinire
il loro ruolo , non solo di protezione, ma anche di controllo del popolo americano.
In una societa’ costituzionale fondata sull’equilibrio dei poteri,si vede emergere un nuovo potere militare
radicale finora completamente squilibrato.

Il nuovo ruolo delle forze armate nel 2001:controllare la societa’ americana invece di proteggerla.


Questo nuovo ruolo delle forze armate non e’ completamente senza precedenti. Da tre decenni le forze
armate americane esercitano le loro truppe come i poliziotti nella “pianificazione delle sommosse civili” .
Il piano d’insieme, il Departement of Defense Civil Disturbance Plan 55-2 o “Operation Garden Plot” è stato
elaborato nel 1968 in seguito ad importanti manifestazioni e alle sommosse degli anni sessanta.


Ma il 19 gennaio 2001, ultimo giorno dell’amministrazione Clinton, l’armata ha promulgato un nuovo
Continuità of Operations (COOP)Program (Programma di continuita’ delle operazioni).
Le differenze con il piano precedentemente orientato verso l’estero,le Army Survival,Recovery and
Reconstitution System (ASRRS) ( Sistema di sopravvivenza ,di miglioramento e ricostituzione dell’armata) e
questo nuovo piano di si riassumono cosi:



a nel 1985 il comandante in capo dell’armata ha stabilito le ASRRS per assicurare la continuita’ delle
missioni e delle funzioni essenziali dell’armata.


La dottrina ASRRS era centrata principalmente come una replica alla peggiore minaccia di attacco nucleare
massiccio sugli Stati Uniti continentali (CONUS) realizzando un confronto con l’Unione Sovietica.


b……la fine della guerra fredda e la polverizzazione della vecchia Unione Sovietica hanno
significativamente ridotto la probabilita’ di un attacco nucleare di grande portata sugli Stati Uniti
continentali, ma la probabilita’ che altre minacce scaturiscano e’ aumentata. Le organizzazioni militari
devono essere preparate contro ogni imprevisto suscettibile di interrompere le normali operazioni.


Al fine di porre l’accento sul recente orientamento del ASRRS nei confronti dello spettro di una minaccia di
un rischio globale,il nome ASRRS è stato sostituito con il termine piu’ generico Continuity of Operations
Program (COOP) (7)

Questo documento rappresenta il piano Continuity of Operations (continuita’ delle Operazioni) diretto da
Donald Rumsfield,Dick Cheney e gli altri negli anni ottanta e novanta.
Questo piano stabiliva inizialmente misure di continuita’ nell’eventualita’ di un attacco nucleare, tuttavia vi si
e’ rapidamente aggiunta la necessita’ di sospendere la Costituzione, non soltanto “dopo una guerra
nucleare”, ma anche in caso di ogni “urgenza relativa la sicurezza nazionale”.
Nel decreto 12656 di Ronald Reagan pronunciato il 18 novembre 1988, questo genere di urgenza si
definiva come”ogni evento , incluso un disastro naturale, un attacco militare, un’urgenza tecnologica od ogni
altra urgenza che avesse compromesso o minacciato seriamente la sicurezza nazionale degli Stati Uniti.
L’effetto scontato era d’imporre alla societa’ civile americana le misure estreme previste in risposta a un
attacco nucleare dall’estero.
Allo stesso modo, il regolamento ARR 500-3 chiariva che si trattava di un piano per “l’esecuzione delle
funzioni essenziali alla missione, senza che ci fosse un interruzione inaccettabile durante un’emergenza
interna o riguardante la sicurezza nazionale.

 

Donald Rumsfield,che ha aiutato ad elaborare il piano Continuità of Governement ( COG)come semplice cittadino, ha rapidamente firmato e messo il piano ritoccato  ARR 500-3 in applicazione.

 

Otto mesi piu’ tardi il 11 settembre 2001 MM Cheney e Rumsfield hanno applicato il COG,un avvenimento importante,del quale non si conobbe mai nulla.

Per contro sappiamo che – come previsto per il COG degli anni  ottanta-la sorveglianza e la detenzione senza mandato di un gran numero di cittadini  hanno iniziato ad essere applicata quasi immediatamente e che nel gennaio 2002, il Pentagono ha sottoposto una proposta che mirava a spiegare le truppe per le strade americane (10).

  Poi, in  aprile 2002 alcuni ufficiali della Difesa hanno messo in atto un piano per alcune operazioni interne all’esercito americano, creando il U.S.Northern Command (CINC-NORTHCOM) per gli Stati Uniti continentali(11).

Ricapitolando,venivano applicate le caratteristiche dominanti del COG sul quale Oliver North aveva lavorato negli anni ottanta.

 

Eventi incerti e cambiamenti di partito alla Casa Bianca.

 

All’insegna di molte altre tappe decisive verso uno Stato militar-industriale , a partire dalla Seconda Guerra Mondiale, il regolamento 500-3 dell’esercito ha fatto emergere negli ultimi giorni di un’amministrazione uscente(in questo caso,l’ultimo giorno).

Conviene notare che, dagli anni cinquanta, alcuni eventi incerti-rientranti nella categoria occulta che ho denominato “eventi nell’ombra”-hanno caratterizzato gli ultimi mesi  precedenti il cambio di partito alla Casa Bianca.Queste vicende nell’ombra  hanno teso a:     a) condizionare il presidente designato , se questo fosse stato un democratico, oppure  b) aprirgli la strada se questo fosse stato repubblicano.

 

 

Per quel che riguarda la prima categoria(nel caso in cui un democratico fosse succeduto ad un repubblicano) consideriamo cio’ che segue:

 

  • nel dicembre 1960, la Cia si era assicurata di avere l’approvazione per l’invasione di Cuba attraverso la Baia dei Porci e ha precipitato il Laos in una crisi per la quale il Capo di Stato Maggiore aveva proposto di inviare 60.000 truppe.Questi avvenimenti hanno profondamente  influenzato la posizione del presidente Kennedy verso Cuba e l’Indocina.

  • Nel 1976 , il direttore della Cia Gorge H.W.Bush ha costituito un’unità esterna d’informazione,la Squadra B, destinata a gonfiare la stima della minaccia sovietica sul suolo americano scalzando cosi la promessa elettorale del candidato alla presidenza Jimmy Carter di ridurre il budget della Difesa(12).

Gli avvenimenti della seconda categoria sono tutti molto importanti(dal momento in cui un repubblicano è succeduto ad un democratico):

 

  • Verso la fine del 1968,quando egli  consigliava l’amministrazione Johnson, M.Kissinger  ha dato informazioni segrete alla squadra di campagna di di Nixon.Queste informazioni lo hanno aiutato a fare ostruzionismo all’accordo di pace con il Vietnam che ci si apprestava a negoziare a Parigi dove si tenevano i negoziati.Secondo Seymour Hers, “ Kissinger ha allertato la squadra di campagna di      Nixon del successo imminente dei negoziati di pace.La squadra di Nixon è riuscita a trasmettere  una serie di messaggi al governo di Thieu” a Saigon,facendogli ben capire che una presidenza Nixon avrebbe fatto un’offerta migliore.Questo fattore e’ stato determinante per la sconfitta  del candidato democratico Hubert Humphrey (13).Kissinger non era il tipo da tradire il suo presidente di sua propria iniziativa.John Mitchell direttore della campagna di Nixon all’epoca (uno dei rari ad essere al corrente del segreto) ha detto a M.Hersh “he credeva che Henry(Kissinger)lo facesse perché Nelson aveva chiesto l’aiuto ad Henry ed egli aveva accettato (14)”.

  • Nel 1980, cio’ che è stato chiamato la “ sorpresa di ottobre”,un’operazione alla quale hanno partecipato alcuni membri della Cia , ha favorito il mantenimento degli ostaggi americani in Irak fino all’inaugurazione di Ronald Reagan.Fu un fattore determinante nel fallimento del deputato uscente Jimmy Carter (15) .Si puo’ ancora una volta vederci l’influenza dei Rockefeller .Un ufficiale della Cia ha affermato ulteriormente di aver ascoltato una conversazione nel 1981 tra William Casey, il nuovo direttore della Cia , e un assistente di David Rockefeller,Joseph V.Reed. Quest’ultimo commentava il loro successo congiunto nello sconvolgimento dei piani di M.Carter,destinato a rimpatriare gli ostaggi (16).

 

 

Si puo’ vedere il piano di salvataggio finanziario,estorto al Congresso, come l’intensificazione dei preparativi in vista della dichiarazione della legge marziale letti come Avvenimenti transazionali apparteneti alla prima categoria.Qualunque siano le spiegazioni relative il loro sincronismo,queste vicende condizioneranno la liberta’ di M.Obama nel concepimento delle sue stesse politiche.Io temo , inoltre, che in conseguenza, il paese sia implicato in maniera crescente e imprevedibile nella guerra afgana.

 

I preparativi intensivi e discreti della legge marziale.

 

 

Consacriamoci inizialmente ai preparativi per la messa in opera della legge marziale.Il 30 settembre 2008 il Army Times annunciava il ridispiegamento sul suolo americano di una unita’ di Brigata attiva dell’esercito  stanziato in Irak e la sua assegnazione ad uno nuova missione  che “avrebbe potuto divenire parte integrante dell’esercito attivo”:

.

L’armo di combattimento della prima Brigata della terza Divisione di fanteria ha trascorso 35 degli ultimi 60 mesi a pattugliare in Irak con equipaggiamento completo da combattimento , scortando i convogli dei rifornimenti e aiutando a  riabilitare i servizi essenziali.

Si allenano ora per la stessa missione- versione trita e ritrita- in casa.

 

Dal 1 ottobre e per i prossimi  12 mesi la squadra di combattimento della prima brigata, agira’ a titolo di forza di intervento federale di guardia sotto il controllo quotidiano della U.S.Army North ( Esercito americano del Nord) il settore armato  del Northtern Command in caso di urgenza o disastri naturali o di origine umana, inclusi  gli attacchi terroristici.Quando la missione della squadra di combattimento della prima Brigata finira’ è previsto che un’altra Brigata in servizio attivo ,che non e’ stata designata fino a quel momento, effettui il cambio  e che la missione divenga permanente..Essa sara’ probabilmente chiamata a controllare le folle e a prestare assistenza in caso di disordini civili.(17)

 

 

Questo annuncio e’ stato dato due settimane dopo le discussioni relative i disordini civili e alla legge marziale avendo servito a far impaurire il Congresso al fine di fargli adottare la legislazione Paulson sul piano del salvataggio.In piu’, i due avvenimenti senza precedenti si riflettono l’uno nell’altro:il dibattito sul piano di salvataggio anticipava alcuni disordini civili e l’imposizione della legge marziale, e nello stesso tempo l’annuncio dello stanziamento nel suolo americano della Squadra di combattimento della prima Brigata, anticipava tumulti civili(che avrebbero potuto risultare dalla legislazione sul piano i salvataggio).

 

 

Poi , il 17 dicembre 2008 , il capo del Northern Command , il generale Renuart annunciava che “l’Esercito americano avrebbe pianificato l’arruolamento di migliaia di truppe per proteggere Washington contro dei potenziali attacchi terroristici durante l’inaugurazione del presidente Obama (18) “.

Secondo  il Phoenix Business journal, le U.S.Army War College ha ugualmente evocato la possibilita’ che l’Esercito americano possa servire a reprimere i disordini civili:

 

 

Un rapporto recente del U.S. Army War College menziona che alcune risorse e alcune truppe del Pentagono avrebbero potuto essere chiamate a intervenire se la crisi economica avesse dato luogo a sommosse civili come delle manifestazioni contro il governo e i commerci oppure delle resse alle banche assediate.

 

“Delle violenze civili generalizzate negli Stati Uniti avrebbero potuto forzare l’organismo della Difesa a riorientare le sue priorita’ in extremis per mantenere l’ordine interno essenziale e la sicurezza dei cittadini”,indica il rapporto.

 

Lo studio segnala che il crollo dell’economia, il terrorismo ed il rovesciamento dell’ordine giuridico fanno parte dei potenziali colpi  interiori che potrebbero esigere un’azione militare negli Stati Uniti (19).

 

 

C’e stato in tutta evidenza, un movimento sostenuto in vista della preparazione  della legge marziale, una tendenza tuttavia cosi costante che inopinata.Cosi , il senatore Leahy aveva ragione di attirare la nostra attenzione il 29 settembre 2006, quando egli aveva opposto dei dubbi alla forma finale del Fiscal Year 2007 National Defense Autorisation Act  che dava  al presidente dei poteri accresciuti circa l’utilizzazione della       Guardia nazionale nel mantenimento dell’ordine:

 

Noi dovremmo tutti  preoccuparci dei termini inclusi nell’accordo del Congresso che invalidando alcune leggi sul posse comitatus (potere del comitato) stabilite da molto tempo, limita l’implicazione dell’Esercito nel mantenimento dell’ordine e facilita conseguentemente la dichiarazione della legge marziale da parte del presidente.L’opposizione costruttiva che  ritroviamo nella legge attuale relativamente alle dichiarazioni della legge marziale esistono per delle buone ragioni(20).

 

Questa accumulazione discreta di poteri militari non si e’ soltanto ampliata per inavvertenza.

Essa dimostra un’intenzione sostenuta, anche se nessuno non ne ha fatto un affare pubblico.

 

 

Come l’amministrazione Bush ha protetto il prestito predatore e lasciato che la crisi finanziaria si aggravasse.

 

Esaminiamo ora la crisi finanziaria e il salvataggio panico.Nessuno dovrebbe credere che la crisi non sia stata prevedibile.In febbraio, uno degli ultimi gesti compiuti da Eliot Spitzer come governatore di New York e’ stato quello di dare l’allarme sulla crisi imminente creata dal prestito predatore e di rivelare che l’amministrazione Bush ostacolava gli sforzi  compiuti dagli stati per contrastarla.Il suo eccezionale avvertimento apparso nel Washington Post  merita molto d’essere citato :

 

Diversi anni fa i procuratori generali dello Stato e  altre persone operanti a tutela  del consumatore  hanno evidenziato  un netto aumento circa una certa categoria di pratiche di prestiti predatori tra i prestatori ipotecari.

 

 

Per quanto il prestito  predatore diveniva un problema nazionale, l’amministrazione Bush ha girato il capo e non ha fatto nulla per proteggere i proprietari.In realta’, il governo ha scielto piuttosto di allinearsi con le banche che ingannavano i consumatori.Parecchie legislature dello Stato,tra le quali quella di New York, hanno decretato delle leggi miranti a restringere tali pratiche.Non solamente il governo Bush non ha fatto nulla per proteggere i consumatori, ma si e’ anche lanciato in una campagna aggressiva e inedita per impedire agli States di proteggere i loro residenti dai problemi stessi che il governo federale ignorava.

 

Lasciatemi che vi spieghi: il governo ha compiuto questa azione con la copertura di un’oscura agenzia federale (del Tesoro) chiamata Office of the Controller of the Currency (ufficio del controllo sulla moneta  OCC).

L’OCC esiste dalla guerra di Secessione  e la sua missione e’ quella di garantire la solidita’ fiscale delle banche nazionali .Durante 140 anni, l’OCC ha esaminato i libri contabili delle banche nazionali al fine di assicurarsi che fossero equilibrati, una funzione importante per quanto controversa.Ma da qualche anno , per la prima volta della sua storia, l’OCC e’ stata utilizzata come strumento contro i consumatori.

 

Nel 2003, al culmine della crisi del prestito predatore, l’OCC ha invocato una clausola del 1863 National Bank Act (Atto delle banche nazionali del 1863) con lo scopo di emettere degli annunci ufficiali  ostacolanti ogni legge dello Stato sul prestito predatore,rendendoli cosi inoperanti. L’OCC ha anche promulgato  nuove regole per impedire agli States  di rinforzare ogni legge della loro giurisdizione che proteggano il consumatore contro le banche nazionali.Le azioni del governo erano cosi flagranti e cosi inaudite che i 50 procuratori generali degli States cosi come i 50 direttori delle maggiori banche  hanno vivamente contestato queste nuove regole.

 

Ma l’opinione unanime dei 50 States non ha dissuaso il governo Bush,e neppure ne ha ritardato i piani mirando a proteggere le banche.In fatti , quando il mio ufficio ha aperto un’inchiesta su un certo numero di banche sospettate di discriminazione relativamente al prestito ipotecario , l’OCC ha intentato delle accuse al federale per interrompere l’inchiesta.(21).

 

Eliot Spitzer a inviato la sua lettera d’opinione al Washington  Post il 13 febbraio .          Se questa ha avuto un impatto , non e’ certo quello che Spitzer aveva sperato.Il 10 marzo il New York Times ha rivelato che  che Eliot Spitzer si era incontrato con una prostituta. Secondo un ulteriore articolo del Times, “il 13 febbraio (il giorno in cui la lettera di M.Spitzer è apparsa sul sito Web del Washington Post) alcuni agenti federali hanno sorvegliato il suo hotel a Washington(22).

 

 

E’ rimarchevole il fatto che i media dominanti abbiano considerato  la vita privata di M.Spitzer come una notizia  importante , e che invece le sue accuse attestanti la volonta’ di Paulson  di far durare il piu’ possibile la crisi finanziaria non siano state prese in seria considerazione …….

 

 

 

Come diceva questo blogger:

 

I media americani hanno supposto il legame evidente tra l’inchiesta sulla strana applicazione federale della legge, la campagna delle fughe sulla vita privata del governatore Spitzer di New York e gli attacchi  su tutti i fronti di M.Spitzer verso il governo Bush per la sua collusione con i prestatori predatori.Nel momento in cui il sistema del credito internazionale è immobilizzato a causa di una sovrabbondanza di cattivi prestiti ipotecari fatti agli Stati Uniti, i media hanno passato sotto silenzio  i dettagli delle pubbliche accuse di Spitzer contro la Casa Bianca.

 

Ora, quando alcuni dettagli osceni sono confluiti sulla vita privata di M.Spitzer questi hanno attinto questa informazione e ne hanno fatto la loro pagina di copertina dei giorni seguenti.(23)

 

 

Secondo Greg Palast , dopo la pubblicazione della lettera di M.Spitzer, la Federal Riserve” ha prestato , per la prima volta nella sua storia ,un quinto di bilioni di dollari ad una cricca bancaria  selezionata per garantire le loro obbligazioni ad alto rischio appoggiate a dei crediti ipotecari.Il diluvio di denaro pubblico era una manna formidabile per  gli stessi banchieri predatori , avendo spinto milioni di famiglie al pignoramento.(24)”

 

 Che cosa dobbiamo pensare delle accuse di M.Spitzer  che voleva un intervento da parte del governo Bush al fine di ostacolare le leggi contro il prestito predatore ma di fatto  i media dominanti  non ne avevano fatto menzione?Forse l’OCC ha avuto  la meschina motivazione di permettere alla bolla immobiliare di continuare nel 2003 e nel 2004 , facilitando cosi la rielezione di M.Bush.Tuttavia l’ostruzionismo tenace del Tesoro , malgrado la disapprovazione unanime dei 50 States cosi come il costante silenzio dei media su questo disaccordo suggerisce  che forse era in gioco l’intenzione di una politica piu’ estesa.

 

 

Le somiglianze con lo scandalo della Savings and Loan sono schiaccianti.Si e’ permesso a questa indignazione di continuare  durante tutti gli anni ottanta di Reagan, molto tempo dopo che fosse diventato evidente che gli approfittatori senza scrupoli si servissero del fallimento deliberato per ammassare capitali illegali,ultimamente a spese del pubblico.(25).

 

Nello stesso modo, l’interminabile bolla immobiliare dell’attuale decennio Bush  e particolarmente la bolla dei prodotti derivarti emessi  direttamente dalla  bolla immobiliare , hanno permesso all’amministrazione Bush di compensare il costo della sua disavventura irakena superando i bilioni di dollari (26) creando dei falsi titoli che sono stati venduti per miliardi di dollari, non solo negli States ma nel mondo intero.

 

A lungo termine, tutto cio’ non costituisce una fonte di ricchezza duraturo per la classe finanziaria americana, che ora soffre  come dapperttutto la recessione che ne deriva.Ma a breve termine , la crisi finanziaria e il piano di salvataggio hanno permesso a Bush di condurre una guerra costosa senza vivere l’inflazione debilitante che si era manifestata con la guerra del Vietnam.

 

 

In poche parole, si puo’ vedere in modo razionale la sconfitta finanziaria dei bilioni di dollari(27) come un aiuto finanziario alla guerra in Irak.

Tuttavia,osservando i preparativi per instaurare la legge marziale si nota che essi mirano a prevenire le sommosse civili per il futuro.Perchè preparasi cosi intensamente per tali  disordini?

La risposta viene da sé:perché ci si ricorda delle rivolte scoppiate a S.Francisco e altrove durante la Grande Depressione negli anni 30.In effetti questa preoccupazione dev’essere in primo piano  tra coloro che hanno organizzato  lo ridispiegamento della squadra di combattimento in Irak verso l’America.Ma la pianificazione per dichiarare la legge marziale è iniziata da quasi tre decenni,nel momento in cui Reagan ha designato Donald Runsfield,Dick Cheney  e gli altri  affinché si preparassero segretamente ,cio’ che assumeva il nome ingannatore di mantenimento del(leggi Cambiamento di ) governo ( COG).A quale punto non si  preoccuparono della recessione del 2008 , non piu’ di coloro che hanno presentato il “Programma di mantenimento delle operazioni (COOP)” il 19 gennaio 2001.Lo spettro di una minaccia totale rischia - tutto”ipotizzata in questo documento era in ogni evidenza complementare alla dottrina della “dominazione dell’insieme,formulata nel piano del capo di gabinetto aggiunto, Joint Vision 2020 approvata 8 mesi prima,il 30 maggio 2000 (28).

 

Pianificando il COG così come la legge marziale ,MM Cheney e Rumsfeld ipotizzavano anche la dominazione d’insieme.Il loro impegno simultaneo nel Progetto per un nuovo secolo americano (PNAC), un documento pubblico degli anni  1990 lo conferma.Gli obiettivi del PNAC erano citati molto esplicitamente nel loro documento Ricostruire la difesa americana:aumentare le spese in materia di difesa al fine di stabilire la presenza americana ovunque nel mondo per farne un potere incontestabile.Tutto cio’ avrebbe implicato la presenza permanente delle forze americane in Asia centrale e nell’Asia dell’Est e questo stesso dopo la sparizione di Saddam Hussein (29).

 

In breve, il programma del PNAC pianificava un impero americano  permanente oltre mare,un progetto che una democrazia americana non avrebbe mai accettato facilmente, loro lo sapevano bene.Ammettevano francamente che sarebbe stato difficile guadagnare sostegno per le loro previsioni di aumentare  le spese in difesa “ad un livello minimo di 3,5 a 3,8 per cento di prodotto interno lordo, aggiungendo cosi dai 15 ai 20 miliardi  di dollari annualmente nella Difesa.” Nel documento si ammette che “ il processo di trasformazione sara’ probabilmente lungo se  questo non produrra’ eventi catastrofici e catalizzatori, come un nuovo Peral Harbor (30)

 

 

Con l’elezione di Barak Obama, abbiamo tutte le ragioni di sperare che l’era disastrosa di MM.Cheney e Rumsfield sia finita..M Obama ha chiaramente segnalato che condurra’ una politica estera basata sulla diplomazia e sul multilateralismo.Con questo spirito egli ha dichiarato di voler discutere con l’Iran senza condizioni preliminari.

 

Ma la ragione evocata da Obama per il ritiro dall’Irak è di cattivo augurio:”L’ampiezza del nostro spiegamento in Irak continua a ritardare la nostra capacita’di concludere la battaglia in Afghanistan(31)”

Sono pochi coloro che studiando seriamente la scena afgana   credono che l’America possa “concludere l’azione militare in Afghanistan”   con maggior successo rispetto ai Russi o agli inglesi di un tempo.La posizione degli Stati Uniti  laggiu’ si sta deteriorando visibilmente ,mentre la strategia americana d’attacco transfrontaliero ha l’effetto di destabilizzare anche il Pakistan.Il regime Garzai sostenuto dagli Stati Uniti  ha  cosi poco controllo in ambito rurale che Kaboul stessa subisce attacchi di missili.Gli esperti sul posto convengono che ogni sforzo teso a farla finita” costituisce una proposta a lungo termine  che necessitera’ come minimo un impegno fortemente accresciuto delle truppe americane.(32).

 

 

Non si puo’ prevedere il futuro, ma  si puo’ esaminare il passato.Scrivo da 30 anni a proposito del perdurare di una cultura’ di guerra  in America che sempre più, domina le ragionevoli politiche di negoziazione e ci spinge sempre piu’ nel conflitto armato.

Questa visione dominante non e’ l’apannaggio di una sola agenzia o cabala ma risulta piuttosto da tensioni costanti  tra i falchi e le colombe della politica interna di Washington.

 

Se si scuote  vigorosamente un recipiente di rocce e di ghiaia, queste saranno’ probabilmente attirate verso il fondo, lasciando le rocce piu’ grosse sopra.Quando l’esercito viene coinvolto in una battaglia difficile  e un dibattito continua  sulla ritirata o sull’impiego delle truppe, esiste una probabilita’ analoga che le forze  in favore dell’impiego prendano il sopravvento , e poco importano le circostanze. C’e’ la tendenza ad utilizzare un potere militare quando questo sia disponibile , e uno degli aspetti piu’ importanti della storia dal 1945 ad oggi è che questa tendenza non si è ripetuta fino ad adesso con le armi atomiche.

 

 

Lasciatemi spiegare questa metafora nei dettagli piu’ concreti.Le società progredite(attualmente si tratta normalmente di democrazie) hanno la tendenza ad estendere la loro presenza  al di la’ delle proprie frontiere geografiche.Questa presenza allargata necessita di nuove istituzioni generalmente liberi da ogni responsabilita’ democratica(come la CIA).Questa concentrazione di potere senza obblighi, in cio’ che io ho gia’ denominato “Stato ombra” sconvolge il sistema di potere e contropotere dello Stato pubblico  che costituisce il pilone delle politiche sane e deliberanti.

 

Ci si potrebbe attendere che le democrazie progressive possano evolvere verso delle politiche straniere sempre piu’ razionali.Tuttavia  seconda la dialettica sopra esposta vediamo che succede l’esatto contrario:un’evoluzione verso  impegni stupidi e disastrosi.

Alla fine del 19’ secolo, quando la democrazia inglese ha progredito, ha provocato la guerra dei Boeri , una guerra che conveniva molto ai bisogni imperiali privati di Cecil Rhodes,ma non serviva minimamente agli interessi del popolo britannico se non per nuocergli(33).Il sogno di un terzo Reich da Hitler,che implicava una ripetizione, votata allo smacco,dell’avventura napoleonica nel cuore della Russia, conveniva  ai bisogni degli industriali tedeschi che avevano finanziato i nazisti.Tuttavia, gli uomini sensati a capo del personale militare tedesco potevano  intravvedere il disastro  dal dibattito stesso.

 

 

Da piu’ di mezzo secolo,dalla guerra del Vietnam ,alcune forze non rintracciabili guidano l’America ad  insostenibili eventi nel continente asiatico.Oggi sappiamo che Kennedy non ha mai avuto l’intenzione di installare le truppe  americane in Vietnam(34).Tuttavia il piano fatale che mirava ad estendere la guerra del Vietnam a nord del 17’ parallelo è stata autorizzata nell’ultima settimana della sua presidenza fallita probabilmente senza che lui lo sapesse(35).Da quando fu eletto Jimmy Carter era determinato a ridurre la portata e la frequenza delle operazioni clandestine della CIA (36).Quindi, il suo consigliere alla sicurezza nazionale Zbigniew Brzezinski ha intrapreso delle manovre in Afghanistan ,che hanno portato alla piu’ vasta operazione clandestina della CIA ( e a mio parere la piu’ deleteria) di tutti i tempi.(37).

 

I nostri storici  archivisti non hanno completamente capito l’uno o l’altro dei paradossi e nemmeno le forze che stavano dietro.E come notoriamente osservava il filosofo Gorge Santayana:” Coloro che non possono ricordare il passato sono condannati a ripeterlo” (38)

 

L’avvenire ci riservera’ una escalation militatre all’estero e alla casa?

Come MM. Kennedy e Carter, Barack  Obama costituisce un insieme complesso di qualità esaltanti e deprimenti. Tra le ultime c’e’ il desiderio incondizionato di farla finita con la guerra in Afghanistan(cioe’ di vincerla), cosi che il suo sostegno e quello del suo partito per la versione finale del piano Paulson.Secondo me, le due cose si pareggiano.

 

Il piano di salvataggio finanziario, come la risoluzione negoziata  per lo scandalo della Savings and Loans negli anni ottanta, ha imposto in maniera flagrante la ricchezza della repubblica con lo scopo di proteggere ed arricchire  coloro che facevano fortuna illegittimamente da un certo tempo. I simpatizzanti di estrema sinistra da lunga data non ci vedevano nulla di insolito:tutto cio’ è conforme alla loro analisi circa il funzionamento dello Stato capitalista.

 

Tuttavia, cio’ diventa tipicamente americano solo  dopo la rivoluzione Reagan degli anni  ottanta.Prima, i politici governativi miravano piu’ spesso ad aiutare le persone impoverite..In seguito, è stata invocata l’ideologia  del libero mercato dei differenti modi,anche sotto Clinton, per arricchire i ricchi.

 

 

Il professor Edward Wolff ha riassunto il risultato di questi politici governativi:

 

 

La disuguaglianza della ricchezza è nettamente aumentata dal 1975 o 1976.Prima di questo se si risale al 1929 circa, c’e’ stato un periodo prolungato in cui la disparita’aveva precipitato il paese.C’è dunque questa tendenza al ribasso  relativamente continua  che inizia nel 1929 , anno in cui certamente la Borsa era al suo meglio prima di sprofondare e che si protrasse circa fino a meta’ degli anni settanta .Da allora, la tendenza si e’ capovolta e il livello di sperequazione  della ricchezza  è praticamente raddoppiato .

 

 

Infatti fino all’inizio degli anni settanta, gli Stati Uniti avevano un tasso di disparità della ricchezza piu’ basso di quello della Gran Bretagna o di un paese come la Svezia.Ma le cose sono cambiate da 25 o 30 anni a questa parte.In realtà , numerosi paesi hanno tentato di ridurre  le sperequazioni con il tempo.Gli Stati Uniti sono atipici in questo senso  poiché le disparità sono aumentate cosi bruscamente  proprio negli ultimi 25 o 30 anni (39).

 

Gli eccessi di ricchezza che ha conosciuto l’America nel passato, come l’Età dell’oro o gli anni  venti , sono stati seguiti da riforme politiche, come l’imposta sul reddito, che mirava a ridurre le disparità tra  le ricchezze e i redditi.Tuttavia come segnalava Kevin Phillips, questo tipo di riforme dev’essere ripristinato presto o non lo sarà piu’ per sempre:

 

 

Nel momento in cui si entra nel 21’ secolo, lo squilibrio tra le ricchezze e la democrazia è intollerabile ….o la democrazia dev’essere rinnovata , rivitalizzando la politica,oppure la ricchezza consoliderà un nuovo regime meno democratico-che sarà altrimenti chiamato plutocrazia.(40).

 

Se si giudica il piano Paulson cosi com’è stato adottato seguendo questo criterio,esso costituisce non solo un’occasione persa , ma anche un passo radicale nella direzione sbagliata.Il sostegno che è stato dato da M.Obama e dal Partito Democratico al salvataggio  non ha nulla di rassicurante.Si tratta piuttosto di un segno che la plutocrazia non sarà seriamente contestata da uno o dall’altro dei partiti nel loro stato attuale.

 

Non si puo’ prevedere il futuro, ma  si puo’ esaminare il passato.Scrivo da 30 anni a proposito del perdurare di una cultura’ di guerra  in America che sempre più, domina le ragionevoli politiche di negoziazione e ci spinge sempre piu’ nel conflitto armato.

Questa visione dominante non e’ l’apannaggio di una sola agenzia o cabala ma risulta piuttosto da tensioni costanti  tra i falchi e le colombe della politica interna di Washington.

 

Se si scuote  vigorosamente un recipiente di rocce e di ghiaia, queste saranno’ probabilmente attirate verso il fondo, lasciando le rocce piu’ grosse sopra.Quando l’esercito viene coinvolto in una battaglia difficile  e un dibattito continua  sulla ritirata o sull’impiego delle truppe, esiste una probabilita’ analoga che le forze  in favore dell’impiego prendano il sopravvento , e poco importano le circostanze. C’e’ la tendenza ad utilizzare un potere militare quando questo sia disponibile , e uno degli aspetti piu’ importanti della storia dal 1945 ad oggi è che questa tendenza non si è ripetuta fino ad adesso con le armi atomiche.

 

 

Lasciatemi spiegare questa metafora nei dettagli piu’ concreti.Le società progredite(attualmente si tratta normalmente di democrazie) hanno la tendenza ad estendere la loro presenza  al di la’ delle proprie frontiere geografiche.Questa presenza allargata necessita di nuove istituzioni generalmente liberi da ogni responsabilita’ democratica(come la CIA).Questa concentrazione di potere senza obblighi, in cio’ che io ho gia’ denominato “Stato ombra” sconvolge il sistema di potere e contropotere dello Stato pubblico  che costituisce il pilone delle politiche sane e deliberanti.

 

Ci si potrebbe attendere che le democrazie progressive possano evolvere verso delle politiche straniere sempre piu’ razionali.Tuttavia  seconda la dialettica sopra esposta vediamo che succede l’esatto contrario:un’evoluzione verso  impegni stupidi e disastrosi.

Alla fine del 19’ secolo, quando la democrazia inglese ha progredito, ha provocato la guerra dei Boeri , una guerra che conveniva molto ai bisogni imperiali privati di Cecil Rhodes,ma non serviva minimamente agli interessi del popolo britannico se non per nuocergli(33).Il sogno di un terzo Reich da Hitler,che implicava una ripetizione, votata allo smacco,dell’avventura napoleonica nel cuore della Russia, conveniva  ai bisogni degli industriali tedeschi che avevano finanziato i nazisti.Tuttavia, gli uomini sensati a capo del personale militare tedesco potevano  intravvedere il disastro  dal dibattito stesso.

 

 

Da piu’ di mezzo secolo,dalla guerra del Vietnam ,alcune forze non rintracciabili guidano l’America ad  insostenibili eventi nel continente asiatico.Oggi sappiamo che Kennedy non ha mai avuto l’intenzione di installare le truppe  americane in Vietnam(34).Tuttavia il piano fatale che mirava ad estendere la guerra del Vietnam a nord del 17’ parallelo è stata autorizzata nell’ultima settimana della sua presidenza fallita probabilmente senza che lui lo sapesse(35).Da quando fu eletto Jimmy Carter era determinato a ridurre la portata e la frequenza delle operazioni clandestine della CIA (36).Quindi, il suo consigliere alla sicurezza nazionale Zbigniew Brzezinski ha intrapreso delle manovre in Afghanistan ,che hanno portato alla piu’ vasta operazione clandestina della CIA ( e a mio parere la piu’ deleteria) di tutti i tempi.(37).

 

I nostri storici  archivisti non hanno completamente capito l’uno o l’altro dei paradossi e nemmeno le forze che stavano dietro.E come notoriamente osservava il filosofo Gorge Santayana:” Coloro che non possono ricordare il passato sono condannati a ripeterlo” (38)

 

L’avvenire ci riservera’ una escalation militatre all’estero e alla casa?

Come MM. Kennedy e Carter, Barack  Obama costituisce un insieme complesso di qualità esaltanti e deprimenti. Tra le ultime c’e’ il desiderio incondizionato di farla finita con la guerra in Afghanistan(cioe’ di vincerla), cosi che il suo sostegno e quello del suo partito per la versione finale del piano Paulson.Secondo me, le due cose si pareggiano.

 

Il piano di salvataggio finanziario, come la risoluzione negoziata  per lo scandalo della Savings and Loans negli anni ottanta, ha imposto in maniera flagrante la ricchezza della repubblica con lo scopo di proteggere ed arricchire  coloro che facevano fortuna illegittimamente da un certo tempo. I simpatizzanti di estrema sinistra da lunga data non ci vedevano nulla di insolito:tutto cio’ è conforme alla loro analisi circa il funzionamento dello Stato capitalista.

 

Tuttavia, cio’ diventa tipicamente americano solo  dopo la rivoluzione Reagan degli anni  ottanta.Prima, i politici governativi miravano piu’ spesso ad aiutare le persone impoverite..In seguito, è stata invocata l’ideologia  del libero mercato dei differenti modi,anche sotto Clinton, per arricchire i ricchi.

 

 

Il professor Edward Wolff ha riassunto il risultato di questi politici governativi:

 

 

La disuguaglianza della ricchezza è nettamente aumentata dal 1975 o 1976.Prima di questo se si risale al 1929 circa, c’e’ stato un periodo prolungato in cui la disparita’aveva precipitato il paese.C’è dunque questa tendenza al ribasso  relativamente continua  che inizia nel 1929 , anno in cui certamente la Borsa era al suo meglio prima di sprofondare e che si protrasse circa fino a meta’ degli anni settanta .Da allora, la tendenza si e’ capovolta e il livello di sperequazione  della ricchezza  è praticamente raddoppiato .

 

 

Infatti fino all’inizio degli anni settanta, gli Stati Uniti avevano un tasso di disparità della ricchezza piu’ basso di quello della Gran Bretagna o di un paese come la Svezia.Ma le cose sono cambiate da 25 o 30 anni a questa parte.In realtà , numerosi paesi hanno tentato di ridurre  le sperequazioni con il tempo.Gli Stati Uniti sono atipici in questo senso  poiché le disparità sono aumentate cosi bruscamente  proprio negli ultimi 25 o 30 anni (39).

 

Gli eccessi di ricchezza che ha conosciuto l’America nel passato, come l’Età dell’oro o gli anni  venti , sono stati seguiti da riforme politiche, come l’imposta sul reddito, che mirava a ridurre le disparità tra  le ricchezze e i redditi.Tuttavia come segnalava Kevin Phillips, questo tipo di riforme dev’essere ripristinato presto o non lo sarà piu’ per sempre:

 

 

Nel momento in cui si entra nel 21’ secolo, lo squilibrio tra le ricchezze e la democrazia è intollerabile ….o la democrazia dev’essere rinnovata , rivitalizzando la politica,oppure la ricchezza consoliderà un nuovo regime meno democratico-che sarà altrimenti chiamato plutocrazia.(40).

 

Se si giudica il piano Paulson cosi com’è stato adottato seguendo questo criterio,esso costituisce non solo un’occasione persa , ma anche un passo radicale nella direzione sbagliata.Il sostegno che è stato dato da M.Obama e dal Partito Democratico al salvataggio  non ha nulla di rassicurante.Si tratta piuttosto di un segno che la plutocrazia non sarà seriamente contestata da uno o dall’altro dei partiti nel loro stato attuale.

 






14/02/2009


pagina delle notizie

home page

archivio 2006, 2007

archivio 2005

archivio 2004

archivio 2003