ECONOMIA 2006

 

Il telefono, la loro voce


Andrea Angelini

 

Sul destino di Telecom e sulla più che probabile vendita di Tim ad un nuovo socio, Marco Tronchetti Provera non gli ha detto niente. Eppure, dieci giorni fa, quando si erano incontrati, avevano avuto “un colloquio molto approfondito” improntato al diciamoci tutto. Romano Prodi è caduto dalle nuvole, o almeno ha dato l’impressione di caderne, e si è detto “sorpreso” alla notizia di “una ristrutturazione societaria così importante, radicale e diversa dalla strategia che lui stesso (cioè Tronchetti) aveva proposto due anni fa”. Un’operazione che Prodi, parlando con i suoi collaboratori, ha definito come “sconcertante”. Sarebbe quindi il caso di chiedersi se dieci giorni fa c’era stato un colloquio o invece una seduta spiritica, visto che il Professore, in passato, era perfettamente in grado (li) di comunicare senza fili in tutta autonomia con il prossimo. E poi, è curioso che un professore universitario di economia e politica industriale basi le sue speranze sui programmi aziendali di una società espressi due anni fa. Non lo sa il Professore che in economia due anni sono un’eternità e che il mercato ha i suoi imprevisti e soprattutto le sue regole? La prima delle quali recita: “se non hai i soldi, non puoi andare avanti”. Appunto il caso di Tronchetti Provera e del gruppo Telecom, gravato da 41,3 miliardi di euro di debiti, frutto sia di incapacità gestionale propria che degli effetti della disastrosa Opa di Colaninno su Telecom nel 1999. In ogni caso no pasaran (nel senso degli stranieri, di Murdoch o di chi per lui o per loro). O forse sì, se l’Europa, la stessa che Prodi ha guidato per cinque anni, obbligherà lo Stato italiano a non impicciarsi della questione. Comunque stiano le cose, cioè male, “esaminaremo il contenuto della proposta quando sarà fatta in modo articolato e approfondito; il governo – ha ammonito Prodi - ha il diritto di conoscere i contenuti e le motivazioni di una proposta così importante e radicale per il futuro del paese”. Quanto poi al bloccare una vendita a Murdoch, questo è un altro paio di maniche. Non vorrete mica che qualcuno, l’Antitrust o la Commissione europea a scelta, accusi il governo italiano di “attività distorsive del libero mercato”? Dovrebbe passare così di mano o la Tim, ipotesi più probabile, o un pezzo della rete fissa di Telecom, il cosiddetto “ultimo miglio” che verrebbe scisso dalla casa madre e ceduto al tycoon australiano. L’operazione, se verrà messa in atto, comporterà il trasferimento di Tim (che detiene un 40% del mercato dei telefonini) ad un prezzo di 40 miliardi di euro, dei quali 10 in contanti e il resto sottoforma di debiti. Una bella operazione insomma di ingegneria finanziaria, di quelle che piacevano tanto al defunto, ma da noi mai compianto, boss di Mediobanca, Enrico Cuccia, perché comportano vantaggi per tutti, tranne che per i risparmiatori e per l’interesse pubblico. Murdoch potrà così compensare con i debiti gli utili delle sue società e il suo gruppo eviterà di pagare un bel po’ di tasse.
Ieri si è mossa anche l’Autorità per le telecomunicazioni. Il commissario Michele Lauria non ha escluso che nei prossimi giorni si possa procedere ad una audizione dei vertici di Telecom. Verrà riunito il consiglio che giovedì farà “una prima valutazione sulla scorta delle informazioni in nostro possesso, relativamente ai profili regolatori di nostra competenza”.
Da parte sua, Telecom Italia ha diffuso una nota, nella quale si precisa e si assicura che “nessuna decisione è stata ancora presa in merito alla struttura finanziaria delle società all’interno delle quali saranno conferiti, come comunicato ieri al mercato, il business mobile e quello della rete d’accesso fissa. Per quanto riguarda le attività del business mobile, italiano ed estero (Brasile), la società ribadisce di non aver affidato nessun mandato per la cessione, né tanto meno di aver ricevuto alcuna offerta”. Un’affermazione che non esclude, anzi, l’intenzione di vendere Tim. E infatti il comunicato conclude affermando che: “Come comunicato al mercato, il consiglio di amministrazione di Telecom Italia si è riservato di esaminare le opportunità di valorizzazione delle attività e del business di comunicazione mobile che si dovessero presentare, nonché ogni ulteriore o diversa iniziativa in funzione delle esigenze operative e di sviluppo sostenibile dell’impresa”. Della serie, bambole non c’è una lira, siamo obbligati a vendere.
Gli esperti del settore hanno però bocciato l’ipotesi di scorporare la telefonia mobile (Tim) da quella fissa (Telecom) e di metterla sul mercato. L’amministratore delegato di Tiscali, Tommaso Pompei, ha ricordato infatti che. “Tutto dimostra che la separazione tra telefonia fissa e mobile fa parte del passato. E che quello delle telecomunicazioni è un business sotto pressione in cui vince chi integra i mestieri e li sviluppa sul numero più alto possibile di piattaforme”. C’è infatti da tenere conto che nel settore delle telecomunicazioni, “i margini di redditività e la capacità di generare cassa sono ancora significativi, tuttavia tre fattori condizionano le prospettive di crescita. Il primo è la forte spinta competitiva dovuta all’aumentare degli attori presenti sul mercato. Il secondo motivo è la pressione tecnologica. L’ultimo è l’azione di chi fissa le regole del gioco”. Di conseguenza, ha ammonito Pompei, “L’effetto combinato di questi elementi fa sì che i tempi siano più difficili rispetto al passato. Non tanto per quanto accade in questo momento, ma per le prospettive di redditività di un futuro non lontano”. Sulla stessa linea di Prodi si è posto il vice ministro dell’Economia, Roberto Pinza “Condivido la valutazione del presidente del Consiglio. E’ davvero sconcertante immaginare che in uno dei più grossi gruppi si effettui una risistemazione di questo genere senza sapere quale è il punto di arrivo su uno dei settori più delicati della struttura telefonica italiana”.
Applausi invece a Tronchetti dalla Aiip, Associazione Italiana Internet Provide: “Lo scorporo della rete Telecom – esulta una nota - va nella direzione giusta. Sollecitiamo in prima linea da anni lo scorporo della rete dell’accesso di Telecom Italia e finalmente sta divenendo realtà confermando la validità delle posizioni da noi espresse. Valuteremo con attenzione nelle prossime settimane l’esito del mandato conferito dal CdA al Presidente Tronchetti Provera di individuare, oltre alla rete di accesso, eventuali ulteriori attività da integrare nella società”. Quindi, “sarà fondamentale capire se l’operazione di scorporo comprenderà o meno le centrali e gli apparati ivi contenuti.
Se queste componenti non fossero comprese, di fatto Telecom Italia manterrebbe un controllo di molte leve utilizzabili in modo anticompetitivo, vanificando gli obiettivi dell’operazione per quanto riguarda la tutela della concorrenza”.
Antonio Di Pietro, ministro delle Infrastrutture, è andato all’attacco e ha messo il freno all’intera operazioni, dicendosi “preoccupato per questo taglia e cuci intorno alla telefonia mobile e fissa e le ricadute su maestranze e lavoratori”; preoccupato “per le manovre finanziarie in sé, che mettono a rischio il diritto di coloro che ci lavorano e degli utenti, sia perché nel continuo passaggio di proprietà il sistema delle telecomunicazioni potrebbe andare a finire in mani non note, e di cui non si conoscono ragioni e finalità. Dare il controllo di tutte le nostre comunicazioni – ha spiegato - in mano a soggetti su sui lo Stato non può avere il controllo, questo mi preoccupa. Preciso che sono per un modello di economia liberale, ma ribadisco che se è vero che tutto va lasciato al mercato è anche vero che bisogna scrivere regole certe. La telefonia – ha insistito - attiene infatti alla libertà di potersi esprimere”.
Oggi i sindacati del settore incontreranno i vertici di Telecom Italia “‘per avere un quadro più chiaro della situazione e informazioni più dettagliate sull’operazione finanziaria”. Duro il giudizio del segretario dell’Ugl, Renata Polverini: “‘Come sindacato siamo in allarme sia per la sorte dei lavoratori che dipendono da manager così mutevoli nelle loro scelte, sia per l’indebolimento di una azienda italiana che ha un ruolo decisivo per le infrastrutture del Paese; infrastrutture che riguardano sia la telefonia mobile che quella fissa. Prendiamo atto delle dichiarazioni del presidente Prodi ma ci auguriamo che dopo lo sconcerto iniziale seguano iniziative concrete per non rimanere indifferenti di fronte ad una operazione che oggi getta nell’incertezza migliaia di posti di lavoro e rischia di privare il Paese dell’ultima e unica compagnia di telefonia mobile tutta italiana”. Da parte sua, il presidente della Camera, Fausto Bertinotti, ha dichiarato di condividere la preoccupazione espressa dai sindacati: “Se vengono avanzate delle preoccupazioni riguardanti gli assetti strategici di un apparato produttivo come quello italiano, già fortemente penalizzato e scarsamente presente nell’economia mondiale e in particolare nella nuova economia, questa preoccupazione deve essere ascoltata”. A spiegare quale è la vera posta in gioco, è stato il dc Biagio Agnes già presidente della Stet dal 1990 al 1997, quindi controllore di Telecom , uno di quelli che, dai vari liberali d’accatto, venivano un tempo polemicamente indicati come “boiardi di Stato” ma che quantomeno non avevano mai pensato di svendere il patrimonio pubblico: “La Tim – ha dichiarato - non deve essere ceduta, ma se proprio sarà necessario, gli acquirenti siano italiani. Ci troveremmo il mercato più liquido della telefonia mobile, senza un operatore italiano - Vodafone è inglese e Wind egiziana - e non sarebbe un bel risultato per il nostro sistema Paese. Tronchetti deve fare gli interessi del Paese. Questa operazione è avvenuta dopo nove anni di privatizzazioni di Telecom. La privatizzazione andava fatta con maggiore attenzione allo sviluppo industriale italiano. Perché Francia e Germania hanno soltanto avviato le privatizzazioni dei rispettivi gruppi di telecomunicazioni?”. Insomma, dobbiamo pensare che si stava meglio quando si stava peggio, ossia quando c’erano la Dc e il Psi? Sulla stessa linea, Gianmario Rossignolo, ex presidente di Telecom nel 1998. “Un altro pezzo di industria nazionale rischia di dissolversi o di andare all’estero. Così, questo paese verrà definitivamente smontato. Ci sono quelli che si arricchiscono, ma il paese viene mortificato e venduto. L’Italia è da tempo in una fase di declino progressivo. L’attività industriale è ormai andata – ha lamentato - resta solo la finanza”.


18/09/2006


economia

home page

archivio 2006

archivio 2005

archivio 2004

archivio 2003