ECONOMIA 2006

Alitalia, il governo tace

Andrea Angelini

Il 19 gennaio prossimo uno scioperò bloccherà tutte le attività del gruppo Alitalia e contemporaneamente ci sarà una manifestazione nazionale a Roma. Questa la risposta dei sindacati al silenzio dell’azienda e del governo. L’Alitalia si trova in una situazione di crisi tale che la minaccia di un ulteriore peggioramento resta molto alta. I sindacati del settore e i lavoratori sono ovviamente preoccupati e il Sult ha lanciato un preciso monito. “Se il Governo non aprirà un confronto sul futuro di Alitalia, l’azione di protesta sarà ancor più ferma e incisiva in tempi brevissimi. Lo sciopero dei lavoratori di Alitalia del 15 dicembre – ricorda il Sult - stato il più riuscito degli ultimi anni: l’adesione è stata quasi totale ed i voli cancellati nelle fasce non protette hanno raggiunto il 100%. L’azienda guidata da Cimoli è ormai sorda a qualsiasi tipo di dialogo e di trattativa e dopo lo sciopero il sindacato non ha avuto alcun riscontro positivo. Tanto prevedibile quanto vergognoso, ma è evidente che chi viene messo nelle condizioni di continuare a gestire Alitalia, nonostante gli evidenti pessimi risultati, può permettersi questo ed altro. Ci si aspettava quindi, quanto meno l’apertura di un confronto con il Governo: nulla è trapelato e sembra che ormai i lavoratori ed il sindacato siano anche per questo governo una variabile indipendente dalle decisioni che si prendono sulla loro pelle. Ancor più sconcertante è che, nonostante le dichiarazioni più volte ribadite da gran parte delle forze politiche di maggioranza e da tanti ministri ed esponenti di primo piano del Governo, si continui a percorrere una strada senza fornire alcuna visibilità al sindacato e certezze ai lavoratori”.
Di conseguenza, “La vicenda Alitalia oggi sta diventando purtroppo una palestra politica e di potere sulle vicende economiche del Paese. Tutto ciò pone un interrogativo secco: la politica economica di questo Paese è diretta dal Governo nella sua collegialità o è esclusiva prerogativa del Ministro dell’Economia? Evidentemente è necessaria un’azione di protesta ancor più ferma ed incisiva”.

 
24/12/2006


economia

home page

archivio 2006

archivio 2005

archivio 2004

archivio 2003