LIBRI 2010

 

Silvia Calamati – Laurence McKeown – Tennis O’Hearn

 


 
IL DIARIO DI BOBBY SANDS
Storia di un ragazzo irlandese

Collana: I Timoni- pp.gg. 288- 16,00 euro circa- 5 maggio 2010

5 MAGGIO 1981 – 5 MAGGIO 2010
29° ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI BOBBY SANDS

 


Nato a Belfast nel marzo 1954, Robert Gerard “Bobby” Sands abbracciò la causa dell’indipendentismo irlandese a soli diciassette anni, nella convinzione di non poter fare nulla di diverso per combattere le ingiustizie che vedeva crescere intorno a lui.
Arrestato più volte e più volte condannato senza prove a suo carico, trascorse gran parte della sua vita nello spietato carcere di Long Kesh – ribattezzato “The Maze” – dove, il 5 maggio del 1981, al culmine di una tragica protesta durata quattro anni, si lasciò morire di fame dopo aver rifiutato il cibo per ben 66 giorni consecutivi.    
Dopo di lui, tra il maggio e l’agosto 1981,  altri nove giovani prigionieri repubblicani irlandesi, tutti al di sotto dei trent’anni, morirono a Long Kesh.
Bobby Sands è stato salutato come un eroe non soltanto dai suoi compagni ma da chiunque, in ogni parte del mondo, si ritrovi impegnato a lottare per la giustizia e la libertà.
Il diario di Bobby Sands restituisce al lettore quelli che furono la vita e i sogni di un ragazzo irlandese, riproponendo, dopo decenni di censure, i drammi di una guerra in Europa troppo spesso dimenticata, che ha causato oltre 3.700 morti.

ESTRATTO “Se non riescono a distruggere il desiderio di libertà non possono stroncarti. Non mi stroncheranno perché il desiderio di libertà e la libertà del popolo irlandese sono nel mio cuore. Verrà il giorno in cui tutto il popolo irlandese avrà il desiderio di libertà. Sarà allora che vedremo sorgere la luna”. (Bobby Sands, 17 marzo 1981).
 

Silvia Calamati
Si occupa della questione irlandese dal 1982. Ha tradotto 'Un giorno della mia  vita' (Feltrinelli, 1996) di Bobby Sands e 'Guerra e liberazione in Irlanda. La  Chiesa del conflitto' (Edizioni della Battaglia, 1998) di padre Joseph McVeigh.Tra le sue pubblicazioni, 'Figlie di Erin. Voci di donne dell’Irlanda del Nord'  (Edizioni Associate, 2001, tradotto in inglese, spagnolo e gaelico), 'Irlanda del Nord. Una colonia in Europa' (Edizioni Associate, 2005) e 'Qui Belfast. 20  anni di cronache dall’Irlanda di Bobby Sands e Pat Finucane' (Edizioni Associate, 2008). Collaboratrice di Rai News 24, a Belfast ha ricevuto il  premio internazionale Tom Cox Award per il suo impegno di giornalista e scrittrice.
 
Laurence McKeown
Ex compagno di prigionia di Bobby Sands , nel 1981 condusse lo sciopero della fame per 70 giorni. Divenuto oggi scrittore, ha sceneggiato  il film H3 (2001), ispirato alla tragica vicenda di Sands e dei suoi compagni di prigionia nel carcere di Long Kesh.
 
Tennis O’Hearn
Negli anni Settanta ha lavorato a Belfast come giornalista contribuendo in maniera decisiva, grazie agli articoli pubblicati
su «In These Times» e «The Guardian», a far conoscere le lotte carcerarie dei prigionieri politici irlandesi detenuti a Long Kesh. Insegna sociologia alla University of Binghamton di New York.

 


 
Ufficio Stampa Castelvecchi Editore,
via Isonzo 34 - 00198 Roma  tel  06 8844749
Alex Pietrogiacomi, alex@castelvecchieditore.com
Sabina de Gregori,
sabinadegregori@castelvecchieditore.com


02/05/2010


home page