LIBRI 2007

 

Ercolina (Lillina) Milanesi Arzani


DOLCI, TRISTI RICORDI


Gianni Iuculano ed., 2007


DOLCI TRISTI RICORDI è il romanzo d’esordio di Lillina Milanesi. Teatro delle vicende inizialmente narrate sono i Comuni di Montalto Pavese, Nizza Monferrato (Asti) e Cittiglio (Varese) ove la giovane Lillina trova rifugio assieme alla madre e al fratello nel tentativo di sfuggire alle angherie della Seconda Guerra Mondiale. Ciò non impedisce, comunque, che la famiglia di Lillina viva terribili tragedie familiari culminanti con l’uccisione dello zio Ernesto da parte dei partigiani e la carcerazione della madre a Milano per ideologia politica. La fine della guerra porta un po’ di serenità a Lillina e alla sua famiglia. Dopo la permanenza a Cittiglio e a Nizza Monferrato alla nostra protagonista si aprono le porte di Londra: nella capitale inglese Lillina troverà l’amore tra colpi di scena e vicende singolari. Ma il destino busserà ancora alla sua porta e le imporrà nuove sofferenze che preludono a un finale a sorpresa del romanzo.

ERCOLINA MILANESI, Lillina per gli amici è nata a Nizza Monferrato e ha studiato oltre che nel comune natio a Milano, Varese e Londra; ella ha trascorso gran parte della sua vita vivendo a San Remo. Lillina è una stimata giornalista, collaboratrice e free-lance: oggi i suoi articoli sono pubblicati su diversi quotidiani nazionali quali “Il Popolo d’Italia”, “La Prealpina”, “Rinascita”, “Il Giornale d’Italia”, “Il Secolo XIX”, “La Voce di Parma”, ecc.. Essi appaiono anche su prestigiose riviste culturali qual è ad esempio “L’Altra Voce”di Domenico Longo. Teatro dei suoi numerosi reportages sono l’Europa e la California. Dalla lettura dei suoi articoli si evince la sua viva passione per: la politica interna ed estera, la storia, la teologia e la filosofia. Ella e’ attiva in internet tramite blog e attraverso il suo sito personale al seguente indirizzo www.ercolinamilanesi.com. Lillina dopo aver esordito nella veste di romanziere con “Dolci Tristi Ricordi” intende proseguire con tale filone letterario: sta, infatti, terminando un thriller che spazia dall’ovest all’est dell’Europa.

Informazioni, recenzioni e modalità d'acquisto in http://www.ercolinamilanesi.com/libro1.html

ISBN 978-88-7072-784-5
Euro 12,00

 

Ercolina (Lillina) Milanesi Arzani - Dolci, tristi ricordi

Recensione a cura di ENRICO OLIARI

Quella di Ercolina è una storia che andava raccontata. La sua realtà esce dai canoni dottrinali e perbenistici, figli di un'epoca che si professa "aperta", ma che in realtà è sempre più conformista.
Già, perchè è peccaminoso e rivoluzionario pensare che in un essere umano possano coesistere la fede fascista e l'essenza dell'amore.
Possono amare i fascisti? Ad essi è concesso l'amore per la Patria, ma l'amore per la famiglia di Nizza, per il padre a Milano, per il fratello Cicci, per gli amici del lago Maggiore e per le amiche di Londra, per lo Steven delle meraviglie... Ercolina è fascista ed Ercolina ama.
Arrivata nella capitale inglese cerca il suo Duce al museo delle cere e nel suo animo brucia eterna la passione per il misterioso uomo dei servizi di controspionaggio, dopotutto un invasore del suo Paese.
No, non è dualismo e neppure schizofrenia: Ercolina Milanesi ha una storia da raccontare, una storia d'amore che va oltre la guerra ed oltre il dopoguerra, che l'accompagna nella sua fuga continua ed incessante dall'Italia e da se stessa. Perchè anche il viaggio a Londra rappresenta il bisogno di allontanarsi dai tristi fatti che hanno segnato la sua giovinezza.
E sarà una nuova fuga a riportarla a Nizza, ed ancora una fuga a farle raggiungere la sua vecchia casa londinese.
Con questo romanzo, da leggersi tutto in un fiato, la Milanesi racconta di se stessa e della sua vita, ma forse involontariamente, vuole che il vero protagonista, il centro per il quale tutto ha ragion d'essere, è il suo Steven, che poi, anche se cieco, le ridonerà la sua vitalità e la sua libertà.
Steven è tutto. E' l'amore, impersona la felicità, è portatore di piacere, è sempre padrone della situazione ed è pronto al sacrificio supremo, quello di non amare, pur di vedere felice la sua Lilly.
E' un uomo d'altri tempi. Forse un dio. E per Lilly non ci saranno misteri.
La vita dell'autrice, stracolma di esperienze forti, ci ricorda come l’esistenza umana sia una continua lotta contro tutto e contro tutti, che ha come meta il raggiungimento della serenità dello spirito.

ENRICO  OLIARI

Saggista

 

18/11/2007


home page

archivio 2006

archivio 2005

archivio 2004

archivio 2003